Buonvicino.net  

  • 25 Maggio 2019, 17:05:06
  • Benvenuto, Visitatore
Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Benvenuti sul nuovo forum di Buonvicino.net!
Hai dimenticato la password? Clicca quì

Autore Topic: Varato Il Decreto Per Il Wi-fi  (Letto 2474 volte)

Salvatore

  • Administrator
  • Vommicinaro DOC
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 549
    • Mostra profilo
    • http://www.buonvicino.net
Varato Il Decreto Per Il Wi-fi
« il: 15 Novembre 2005, 11:58:09 »

Dopo la bozza pubblicata in luglio, il ministro delle Comunicazioni Landolfi ha presentato oggi a Roma il decreto che liberalizza definitivamente il Wi-fi. La possibilità di effettuare installazioni senza fili anche all'aperto e non solo in aree limitate come prevedeva la precedente normativa e l'interconnessione fra operatori con reti diverse sono le caratteristiche principali del decreto che riscuote il favore dei provider. Stefano Quintarelli, presidente Aiip (Associazione italiana Internet provider), commenta infatti positivamente il decreto che “abbassa la soglia di ingresso nel settore e va a favore di piccoli operatori e piccoli centri”. L'interconnessione fra reti di differenti operatori, una sorta di roaming Wi-fi, permette anche di evitare “la duplicazione delle infrastrutture con costi più bassi per gli Isp”.

Gli utenti abbonati a un provider potranno quindi utilizzare anche le reti di altri operatori come già succede per i cellulari. Un passo in avanti fondamentale che, accompagnato dalla possibilità di installare soluzioni Wi-fi anche all'aperto, permetterà di coprire aree di territorio non raggiunte dall'Adsl e quindi escluse dalla banda larga. L'unico potenziale lato negativo che Quintarelli vede nella normativa varata dal ministro è l'affollamento che potrebbe esserci in alcune aree con la possibile decadenza delle prestazioni. Ma questioni tecniche a parte, l'Associazione dei provider in questo decreto vede un segnale importante che va a favore dei piccoli Isp e che si spera, potrà essere confermato in occasione della decisione riguardo le frequenze per il WiMax. A gennaio scade la sperimentazione, ricorda Quintarelli, e poi bisognerà decidere in che modo assegnare le frequenze. Ci sarà un'altra asta come per l'Umts oppure si sceglierà la strada del beauty contest? I provider scelgono la seconda strada che confermerebbe lo spirito della normativa Wi-fi.

 
Connesso
 

Pagina creata in 0.188 secondi con 22 interrogazioni al database. cpu load:11.02/12.29/11.85